Catacomba ebraica fu identificata nel corso dello scavo per l’estrazione della pozzolana nel 1882 che si estende su un ampio settore su entrambi i lati dell’attuale via Casilina.

Nel suo libro Il nuovo cimitero giudaico scoperto sulla via Labicana, Orazio Marucchi descrive la scoperta avvenuta accedendo dalla vigna Apollonj (già Aldobrandini), una proprietà che all’epoca veniva definitiva anche di “Monte d’Oro delli  Hebrei”. L’area, posta a nord dell’attuale via Casilina, si estendeva sui due lati dell’antica via Labicana, attualmente corrispondente a nord con i civici nn. 351-373 e a sud con il civico n.224 di via Casilina. L’estensione arrivava fino alla zona della vigna Mareita o Marolda o Marolla-Pitilli o Petilli (corrispondente ad un settore della antica vigna della Certosa). In via approssimativa si può quindi supporre che il reticolo catacombale si estende in una zona delimitata da via Filarete, via Alessi, via Anassimandro, via Dulceri e via Bufalini.

La planimetria del cimitero – che Marucchi esplorò in parte – era caratterizzata da una galleria principale (orientata est-ovest) che a ovest si intersecava con un altra galleria collegata a diversi cunicoli. Questi cunicoli avevano la caratteristica di essere ad arco a tutto sesto e per avere le pareti organizzate su tre livelli di loculi chiusi con lastre di terracotta e ricoperte da intonaco. Presso altri cubicoli, invece, erano ricavati sepolcri in muratura.

Planimetria della Catacombe Ebraiche

Planimetria della Catacombe Ebraiche nella ricostruzione del Marucchi

La presenza di raffigurazioni graffite o dipinte di candelabri a sette bracci, ha fatto attribuire la natura ebraica del cimitero che, secondo il Marucchi, era usato dalla comunità ebraica residente nel quartiere presso la porta Esquilina, la cui esistenza (sempre secondo il Marucchi) sarebbe attestata anche (in due iscrizioni) dal toponimo “a proseucha” (sinagoga) relativo alla zona dell’Aggere e dalla titolatura di un arconte a capo di una comunità giudaica detto “dei Siburensi”.

Stando alla numerose iscrizioni recuperate ha portato a supporre che il cimitero possa essere databile ad un periodo non precedente al III sec. d.C.

Per approfondimenti vai all’articolo della Catacomb Society

Orari di Apertura

Lunedì

-

Martedì

-

Mercoledì

-

Giovedì

-

Venerdì

-

Sabato

-

Domenica

-

Sito non accessibile

Indirizzo & Contatto

Il nosto indirizzo

via Filarete, via Alessi, via Anassimandro, via Dulceri e via Bufalini

Telefono

-

Email

-

Web

-

Click on button to show the map.

Informazioni e servizi aggiuntivi

Sito non accessibile

Attualmente il sito non è accessibile, ma sono in corso diversi studi sull'area anche a seguito di fenomeni di sprofondamento che hanno interessato l'area nel cui sottosuolo probabilmente è presente il reticolo catacombale