Il quartiere popolare di Tor Pignattara è sorto agli inizi del Novecento attorno all'antico fosso della Marranella ad opera di edili, artigiani e commercianti immigrati nella nuova capitale in cerca di fortuna.

Dalle voci e dalle memorie dei suoi abitanti emergono i particolari della vita di ogni giorno sotto il regime fascista e negli anni del conflitto mondiale, fino ai mesi drammatici e violenti dell'occupazione nazifascista e della lotta per la liberazione. Un itinerario alla ricerca delle origini di un insediamento spontaneo, luogo di frontiera per molti, da sempre laboratorio di sperimentazione di convivenza e solidarietà.

Showing 20 from 20 Items

Count:
Sort by:
Order:

Rifugio antiaereo dentro la scuola Luigi Michelazzi (oggi Pisacane)

La targa riporta l’elenco dei 26 partigiani uccisi alle Fosse Ardeatine, Forte Bravetta e via Tasso

Rifugio antiaereo costruito in Via Francesco Baracca 14 nel 1940

La succursale della scuola Alfredo Oriani aperta in Via Amedeo Cencelli nel 1937

La targa ricorda due militanti di Bandiera Rossa Gino Sbardella e Pietro Principato

Il complesso, portato a termine nel 1926, è costituito da 6 palazzine con annessi cortili. Il progetto, denominato dall’Istituto Autonomo per le Case Popolari, Casilino I venne disegnato da Innocenzo Costantini e seguito da Paolo Tuccimei per…

Complesso composto da 7 villini plurifamiliari con entrata condivisa.

Il rifugio antiaereo costruito presso la scuola Alfredo Oriani nel 1940