Sono luoghi (formali e informali) di produzione artistica e culturale, luoghi dell'inclusione sociale, della relazione interpersonale, della costruzione di percorsi di integrazione attiva. Alcuni sono luoghi tradizionali (musei, biblioteche, sedi associative o centri di ricerca) altri sono spazi occupati oppure spazi d'uso transitorio. Tutti contribuiscono a creare una rete densa e forse unica su Roma in cui si producono pratiche innovative che incrociano cultura, socialità, integrazione e accoglienza.

7 oggetti visualizzati di 7

Attiva/Disattiva Filtri
Conto
Ordina per
Ordine

Spazio collettivo al servizio della comunità, nasce dall’occupazione di una palazzina nel febbraio 2013. E’ un luogo resistente in cui si costruiscono alleanze e coscienze.

Storia del cinema Platino. Da sala di terza visione a jeansearia e, oggi, supermercato. Immagine delle trasformazioni sociali ed economiche di Centocelle

Nel 1959 fu aperta da Enrico Mondi, in viale della Serenissima 10, una piccola torrefazione che oggi è diventata, grazie al lavoro di tutta la famiglia, una delle aziende di riferimento per la produzione romana del caffè di qualità.

Orazio Giuffreda, emigrato dalla Sicilia, barista e titolare del Bar Orazio (dal 1956), faceva la colazione a Claudio Baglioni che abitava di fronte e serviva gli aperitivi a Pasolini. È stato un pioniere, negli anni’50 Centocelle cominciava a…