LocandinaPatrimoniQuotidiani

Patrimoni Quotidiani: coinvolgere la comunità nella narrazione del territorio

Da anni l’Ecomuseo Casilino ad Duas Lauros lavora per costruire una nuova narrazione del territorio di riferimento, coinvolgendo le comunità locali non solo come “spettatori/uditori” ma come co-autori della stessa.

Quest’anno si è deciso di coordinare queste attività in un’unica azione corale denominata Patrimoni Quotidiani, iscrivendola nel novero delle attività di community engagement del progetto M.A.U.Mi, vincitore dell’Avviso Pubblico “Creative Living LAB 2021” della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MIC.

M.A.U.Mi è il primo Museo di Arte Pubblica sulle Migrazioni, che verrà realizzato nel cortile esterno di Casa Scalabrini 634, progetto dell’ASCS – Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo di Roma. 10 opere d’arte urbana, realizzati come “stazioni” di un racconto corale che si dipana dalla preistoria all’età contemporanea.

logoMaumi

In questa prospettiva tutte le attività di Patrimoni Quotidiani (esplorazioni, laboratori, incontri, seminari, pubblicazioni) saranno finalizzate a co-generare questa narrazione, arricchendo la ricerca sviluppata dal CSER, Centro Studi Emigrazione Roma, che costituisce il fondamento storico-scientifico del dispositivo museale.

Le attività si protrarranno da Marzo a fine Maggio e coinvolgeranno 12 classi dell’I.C. Simonetta Salacone, 3 classi del CPIA1, i cittadini del quartiere attraverso le esplorazioni urbane dedicate, gli ospiti di Casa Scalabrini e diverse associazioni del territorio che hanno sottoscritto il partenariato di questo progetto (Associazione Centrocelle, Associazione MuriLAB, Comitato di Quartiere Tor Pignattara etc.)

Il progetto è in partnership con ASCS e CSER, è patrocinato dal Municipio Roma V e sostenuto dal progetto Periferia Capitale della Fondazione Charlemagne

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

M.A.U.Mi: Call for artist

Partecipa alla call per diventare una delle firme dei primi 4 murales di M.A.U.Mi, il Museo di Arte Urbana sulle Migrazioni